Fire at a market in Karachi

La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni

Pakistan, agosto 2010, lungo il fiume Indo. L’acqua sale oltre l’argine e le dighe, sommerge campi e strade, distrugge paesi, spazza via tutto. Molti, sorpresi dall’enorme ondata, annegano. Qualcuno si salva su un edificio più alto. 1.100 morti. Quando l’acqua si ritira, i sopravvissuti ritornano al fazzoletto di terra Continua a leggere...

Commenti (0)
theo

Théo e gli altri. Ovvero il razzismo istituzionale in Francia

Quella dei controlli d’identità au faciès, come si dice nell’Esagono, cioè secondo il “colore”, le sembianze, l’aspetto esteriore, il modo di abbigliarsi, l’origine nazionale o la fede religiosa presunte, è una prassi poliziesca francese (e non solo) così consolidata, abituale, sistematica da reggere a condanne di tribunali, mobilitazioni della Continua a leggere...

Commenti (0)
grek

A pagare sono sempre gli stessi

Le previsioni dei creditori della Grecia non si sono realizzate. La crescita resta lontana. L’ex ministro delle Finanze di SYRIZA, Varoufakis, intervistato all’inizio di febbraio dalla BBC, segnala che le riforme macroeconomiche imposte dai creditori hanno perfino impedito i cambiamenti realmente necessari nel sistema greco. Invece di perseguire oligarchi Continua a leggere...

Commenti (0)
manouchian

Profanazione

Il 21 febbraio 1944, 23 partigiani comunisti immigrati, 5 dei quali italiani, guidati da Missak Manouchian, armeno, sono condannati a morte e giustiziati dall’occupante nazista al Mont Valérien, 2 km ad ovest di Parigi. Il poeta Louis Aragon dedica loro una poesia, il cantante Léo Ferré la canta, esaltando Continua a leggere...

Commenti (0)
duestati

Palestina, Israele, USA, UE

L’abbandono formale (sostanziale lo era da sempre) da parte della politica USA della soluzione « due Stati »per il problema israelo-palestinese rappresenta, forse,  uno spartiacque nella diplomazia statunitense in Medio Oriente. E’ la fine di una fase di attività politiche internazionali con l’unico scopo di nascondere l’inesistenza dei cosiddetti « sforzi » per Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su