Maghreb

tunisia1

Tunisia: una rivoluzione tradita

Il 17 dicembre 2010 Mohammed Bouazizi, un venditore ambulante di frutta e verdura di 26 anni,  si dava fuoco a Sidi Bouzid, Tunisia. Esplodeva la protesta contro l’oppressione, la disoccupazione, la corruzione, la povertà. Il 14 gennaio 2011 il dittatore Ben Ali, da 23 anni al potere con il Continua a leggere...

Commenti (0)
islam1

Il corpo e l’anima dell’Islam in rivolta

Pretesto o non pretesto, protesta o meno quello che comincia a tenere banco nelle primavere arabe passate e presenti è quale tendenza dell’islamismo politico prevarrà anche in Paesi assolutamente mediterranei come Tunisia ed Egitto che hanno visto violenze più preoccupanti dello stesso colpo mortale di Bengasi. Più preoccupanti perché Continua a leggere...

Commenti (0)
setif1

Sétif, Algeria. 8 maggio 1945

Per la Francia, l’8 maggio 1945 è la data della vittoria nella II Guerra mondiale, per l’Algeria l’anniversario dei massacri di Sétif e di Guelma, definiti dai francesi « avvenimenti » o « disordini » nel nord della regione di Costantina, delimitato dalle città di Bougie, Sétif, Bône Continua a leggere...

Commenti (0)
marocco re e principini

Elezioni in Marocco, il fascino discreto dell’Islam moderato

S’è adagiato con discrezione sulle urne marocchine. Ha calamitato un voto di maggioranza pur relativa con cui ha messo in fila tutti: il partito del Re (Isiqlal), l’Unione nazionale (Rni), socialisti (Usfp), comunisti (Pps), movimento berbero e una pletora di formazioni più o Continua a leggere...

Commenti (0)
in una via di Tripoli

Libia, la guerra della disinformazione

Come e più delle famigerate Gbu-24 dei Tornado le bombe mediatiche sono state l’arma più potente dei sei mesi della “rivoluzione” libica lanciata contro Gheddafi. Quella che molte emittenti, Al Jazeera e Al Arabya in testa, hanno definito la battaglia finale di Tripoli (per ora il raìs li ha beffati Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su