Resistenza

primomarzo

Sciopero generale

Il 1° marzo 1944 centinaia di migliaia di lavoratori delle fabbriche italiane occupate dalla Wehrmacht entrano in sciopero. Malgrado l’arresto e la deportazione di molti di loro nei campi di concentramento in Germania, lo sciopero dura una settimana e paralizza le industrie, bloccando la produzione degli armamenti alla Fiat Continua a leggere...

Commenti (0)
sinigagliass

Alessandro Sinigaglia

Nel 1926, dopo aver svolto il servizio militare in Marina come sommergibilista, Alessandro Sinigaglia torna a Fiesole, dove aderisce al movimento comunista clandestino. Nel 1928, per evitare l’arresto, deve espatriare in Francia. Passa quindi in Unione Sovietica dove frequenta una scuola di partito, riprende il suo lavoro di meccanico Continua a leggere...

Commenti (0)
kontiki

I perdenti della storia

Sembra che sia stato Krusciov a far pubblicare i libri del biologo e geografo norvegese Thor Heyerdahl in URSS. Si tratta anzitutto dei reportages dei suoi quattro viaggi: con una zattera di legno di balsa, il Kon-Tiki, dal Perù alla Polinesia seguendo la corrente di Humboldt ; con le barche Continua a leggere...

Commenti (0)
silvanosarti

Partigiano oggi come ieri

Il 25 gennaio scorso è morto Silvano Sarti, storico presidente provinciale dell’ANPI di Firenze e, successivamente, suo presidente onorario. Era nato nel 1925 a Scandicci. “Noi s’entrò a liberare Firenze perché il nostro comandante Potente disse agli Alleati che Firenze la liberiamo noi partigiani e voi venite dopo”, rammentava, Continua a leggere...

Commenti (0)
salvinidimajos

Molti nemici molto onore

La formuletta semplice semplice del « popolo » che recupera col voto il potere usurpato dalle « elite » corrotte funziona anche nel XXI secolo. I capi dei “Vaffa” e dei “Roma ladrona”, eletti democraticamente, come Trump, Erdogan, Pinera, Macri e Bolsonaro,  siglano, il 4 giugno 2018, il “contratto di governo”. Il 12 Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Torna su