Storia

faustoeIaio

Fausto e Iaio

Il 18 marzo 1978 Fausto Tinelli e Lorenzo « Iaio » Jannucci , militanti diciottenni del Centro sociale Leoncavallo, vengono uccisi a colpi di arma da fuoco in Via Mancinelli, a Milano, da tre neofascisti . Nel giorno dei funerali, il 23 marzo successivo,  i NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari), Brigata Anselmi, Continua a leggere...

Commenti (0)
scialabba2

Ogni giorno coltiviamo voglia di libertà

E’ il 28 febbraio 1978, quartiere Cinecittà, a Roma. L’omicidio di Roberto Scialabba viene rivendicato con una telefonata all’agenzia ANSA : « La gioventù nazional rivoluzionaria colpisce dove la giustizia borghese  non vuole. Abbiamo scoperto noi chi ha ucciso Ciavatta e Bigonzetti. Onore ai camerati caduti ». I fascisti assassini sono otto: Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
maurras

Rigurgiti fascisti in Europa

La Francia democratica si chiede cosa abbia spinto i membri dell’Alto comitato delle commemorazioni nazionali ad inserire nella loro lista, per l’anno 2018, il nome di Charles Maurras. Maurras (1868-1952) è il teorico dell’antisemitismo di Stato. Direttore de L’Action française, descrive nel 1920 gli ebrei come « dominatori finanziari » e Continua a leggere...

Commenti (0)
christa luft

Guastafeste

Esattamente 20 anni fa i governi della Repubblica federale tedesca, RFT, e quello della Repubblica democratica tedesca, RDT, si incontrano a Bonn. Fa parte del secondo Christa Luft, ministra dell’Economia da un paio di settimane. Prima dell’incontro ufficiale si svolgono colloqui preliminari. Luft incontra l’allora segretario alle Finanze Horst Continua a leggere...

Commenti (0)
triangoli

Asociali e criminali di professione

« Asociali » e « criminali di professione » sono le vittime ignorate del nazismo. Parecchie decine di migliaia di persone sono state assassinate nei campi di concentramento perché non conformi alla « comunità tedesca ». Finora nessuno lo ha riconosciuto. Perché ?

Sono vittime scomode. Le loro biografie erano molto fragili. Non erano adatte come Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su