Storia

westost

Controcorrente

Un altro capitolo, finora poco noto, della grande narrazione della storia inter-tedesca del dopoguerra, riguarda persone che sono passate dall’ovest all’est della Germania. Anche se rappresentano solo 1/8 di quanti hanno lasciato la Repubblica democratica per la Repubblica federale tedesca durante l’esistenza dei due Stati, sono sempre 500.000 quelli Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Leningrado1

La città irriducibile

Girando per San Pietroburgo, l’ex Leningrado, o per Kronstadt, sulla vicina isola di Kotlin, si vedono ancora oggi su alcune facciate vecchie scritte. Mettono in guardia : « Cittadini, nel caso di cannonate questo lato della strada è il più pericoloso ». Accanto ci sono delle lapidi di marmo dove è scritto: Continua a leggere...

Commenti (0)
bandiera-repubblica-napoletana-1799

La Repubblica napoletana del 1799

Il 21 gennaio 1799 i napoletani, sull’onda della prima campagna d’Italia delle truppe della Francia repubblicana dopo la Rivoluzione francese, dichiarano decaduto il re e proclamano la Repubblica, che il generale Championnet, entrato in città alla testa delle truppe francesi, riconosce. Viene creato un governo provvisorio articolato in sei Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
menuguillotine3

Menu speciale ghigliottina

Il 21 gennaio 1793 Luigi XVI, ex re di Francia, condannato dal Tribunale rivoluzionario alla pena di morte per aver tradito la Nazione, viene ghigliottinato a Parigi in piazza della Rivoluzione (l’attuale place de la Concorde). Ogni anno, i repubblicani ne celebrano la morte mangiando della testina di vitello. E’ Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
soares

Il becchino della Rivoluzione dei garofani

Sulle tombe si tace. Tuttavia, è difficile obbedire nel caso di Mario Soares, scomparso sabato. Soares, uno dei personaggi politici più significativi del 20° secolo in Portogallo, nasce nel 1924. Alvaro Cunhal, 11 anni più vecchio di lui, lo convince ad iscriversi al Partito comunista. Nel 1949, il dittatore Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su