Stragi e attentati

geopolitik

Geopolitica criminale

Dopo ogni attentato, i capi di Stato europei, da Macron a Kurz, da Johnson alla Merkel, rispolverano i rituali valori dell’Occidente. Forse sarebbe più utile guardare alle storiche condizioni dell’immigrazione in Europa – un’esperienza spesso traumatica fatta di discriminazioni, di razzismo e di marginalizzazione – e ai risultati della Continua a leggere...

Commenti (0)
finoallultimo

Fino all’ultimo

Ad Auschwitz-Birkenau sono morti oltre 1 milione di prigionieri. 60.000, per la maggior parte non ad Auschwitz, sono sopravvissuti fino alla liberazione, l’8 maggio 1945. Quando l’Armata rossa arriva ad Auschwitz, il 27 gennaio 1945, ci sono poche migliaia di prigionieri. Le SS ne avevano deportato gran parte verso Continua a leggere...

Commenti (0)
lotta

50 anni fa piazza Fontana

A poco più di vent’anni dalla sconfitta del fascismo, il 12 dicembre 1969, nel salone centrale della Banca nazionale dell’Agricoltura, in Piazza Fontana, a Milano,  una bomba uccide 17 persone. La polizia accusa gli anarchici. Uno di loro, Giuseppe Pinelli, dopo tre giorni di interrogatorio, precipita da una finestra Continua a leggere...

Commenti (0)
piazza

La madre di tutte le stragi

Milano. 12 dicembre 1969. Piazza Fontana. Banca dell’Agricoltura. Ore 16.37. Una bomba con 7 kg di tritolo uccide 17 persone e ne ferisce 87. Lo scopo ? Terrorizzare studenti, lavoratori, intellettuali, sindacati, partiti e movimenti democratici che minacciano l’ordine costituito, diffondere il panico e giustificare misure d’emergenza da parte del Continua a leggere...

Commenti (0)
milanoantifa

12 DICEMBRE 1969 STRAGE DI PIAZZA FONTANA MANO FASCISTA REGIA DELLO STATO 12 DICEMBRE 2017 CONTRO TUTTI I FASCISMI DI IERI E DI OGGI

Ricordare il 12 dicembre è anche un esercizio della memoria. Memoria che non può essere condivisa laddove, come oggi, si equiparano carnefici e vittime e colpevoli ed assassinati. Il 12 dicembre è inoltre il momento per riaffermare che il fascismo non è un’opinione ma un crimine, perché da sempre Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su