Cultura

Napoli / San Gregorio ArmenoPhoto: Victor Sokolowiczcell. +39 3355397926

Il presepe napoletano

Il presepe, come la pizza e il Vesuvio,  è uno dei simboli di Napoli. Ogni napoletano ha la sua opinione in proposito. Per la Chiesa cattolica, diavolo e demoni non rientrano nel presepe. E neppure la zingara in topless o il femminiello. Sono componenti tradizionali del presepe popolare. La Continua a leggere...

Commenti (0)
welten

Collezionisti di mondi

Le critiche del turismo di massa fanno parte da sempre del « bon ton » di élites che si prendono gioco volentieri delle classi « inferiori ». Per i critici degli anni 70 e 80, i turisti non fanno che profanare paesaggi incontaminati, senza tenere in alcun conto i sentimenti degli indigeni. Invece Continua a leggere...

Commenti (0)
badiou

Viva il comunismo

Filosofo, romanziere e drammaturgo, Alain Badiou non abbassa la guardia. I suoi compagni di studi, negli anni 50 e 60, sono, fra gli altri,  Louis Althusser, con il quale partecipa al « gruppo Spinoza, » e Jacques Lacan. Nello stesso periodo milita contro la guerra d’Algeria. Fra la fine degli anni Continua a leggere...

Commenti (0)
cuccia

La cuccìa

Oggi, 13 dicembre, si ricorda Santa Lucia, protettrice degli occhi, forse perché il suo nome significa « promessa di luce ».  Il culto della Santa è legato anche al culto della dea greca Demetra (Cerere, per i romani), dotata di un mazzo di spighe e della fiaccola, alla quale si offriva Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
cantacronache

Musiche e canti sociali

Verso la fine degli anni 50 Sergio Liberovici,  Michele L. Straniero, Fausto Amodei danno vita al movimento Cantacronache. Qualche anno dopo nasce, con  Gianni Bosio, Roberto Leydi, Cesare Bermani, il Canzoniere italiano. Seguono tanti altri Canzonieri, che segnano la presa di coscienza da parte delle classi subalterne dell’importanza e Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su