Africa

migrafrica1

I muri dell’UE in Africa

 

L’UE ha scelto dei « paesi prioritari », con i quali trattare pacchetti di aiuti miliardari. Sono quelli dove l’emigrazione verso l’Europa puo’ essere efficacemente bloccata. Uno dei primi esempi è stato il Senegal, dove la Spagna ha investito somme consistenti per chiudere la rotta verso le Canarie. Si tratta di Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
bandieraUE2

Tanti piccoli Gheddafi

 

E’ stata necessaria una guerra perché l’opinione pubblica europea si ricordasse dei lunghi anni di cooperazione con Gheddafi,  un personaggio politico con il quale nessun accordo sarebbe stato possibile se il discorso dei diritti umani fosse stato preso sul serio. Improvvisamente, nel 2011, il pittoresco colonnello libico è diventato Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Zoulaha

Kama kagaya

Kama kagaya (piccola ma coriacea), cosi’ era chiamata nella gang dei « Palais » Zoulaha, un bel viso ovale e uno sguardo dolce. 13 anni, un metro e quaranta. Delicata e felina, nascondeva il rasoio nel palmo della mano, pronta a vibrare colpi rapidissimi all’avversario, approfittando di un momento di distrazione. Tre Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
TOURISM DEVELOPMENT

Quando le luci si spengono

Il 28 gennaio, il governo della Repubblica democratica del Congo ha convocato una riunione straordinaria a Kinshasa. Unico punto all’ordine del giorno: la crisi economica. Il bilancio dello Stato per il 2016 passa da 9,1 a 7,8 miliardi di dollari. Un taglio di 1,3 miliardi dovuto al calo delle Continua a leggere...

Commenti (0)
tunisia1

Tunisia: una rivoluzione tradita

Il 17 dicembre 2010 Mohammed Bouazizi, un venditore ambulante di frutta e verdura di 26 anni,  si dava fuoco a Sidi Bouzid, Tunisia. Esplodeva la protesta contro l’oppressione, la disoccupazione, la corruzione, la povertà. Il 14 gennaio 2011 il dittatore Ben Ali, da 23 anni al potere con il Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su