Catastrofi

samarco1

Catastrofi (in)naturali

Il 5 novembre scorso, nello Stato brasiliano di Minas Gerais, 17 persone sono morte e 2 sono disperse a causa del crollo di due dighe ed il conseguente sversamento di milioni di tonnellate di fanghi tossici nel fiume Rio Doce, avvelenato con la fauna e la flora delle terre Continua a leggere...

Commenti (0)
An aerial view of the mouth of Rio Doce, which was flooded with mud after a dam owned by Vale SA and BHP Billiton Ltd burst, at an area where the river joins the sea on the coast of Espirito Santo in Regencia Village

Catastrofe

Dopo la catastrofe provocata dai fanghi velenosi in Brasile, un tribunale ha bloccato il patrimonio di due grandi imprese, condannate a pagare i terribili danni provocati. In base a quanto deciso da un giudice di Minas Gerais, il gigante del minerale di ferro Vale e il gruppo minearario anglo-australiano Continua a leggere...

Commenti (0)
Katrina

Cambiamento climatico: una questione di classe

In anni recenti è prevalsa l’opinione secondo la quale il limite del cambiamento climatico accettabile sarebbe un riscaldamento globale di 2 gradi Celsius rispetto al livello pre-industriale. 0,8 gradi Celsius sono già stati raggiunti. Secondo alcuni scienziati, tuttavia, un riscaldamento di due gradi sarebbe già sufficiente a destabilizzare lo Continua a leggere...

Commenti (0)
nicolini

Un grande dolore

« Ringrazio la Guardia costiera per non aver portato a Lampedusa i morti dell’ultima, terribile tragedia. Non ci sono più posti liberi nel nostro cimitero. Ma continuiamo ad essere solidali. Subito dopo aver saputo della sciagura, molti dei nostri pescherecci sono usciti in mare per vedere se potevano dare una Continua a leggere...

Commenti (0)
fluchte

Morti senza nome

Spesso i media non descrivono la realtà, la creano. E decidono chi deve essere pianto e chi no. Un cinico gioco che si è ripetuto anche questa settimana, quando, ancora una volta, il mare è diventato un inferno per 400 persone in viaggio per la fortezza Europa. La catastrofe Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Torna su