Europa

gill

Un nuovo Fronte popolare

Dopo quattro settimane di intensa mobilitazione, nel corso delle quali in tutta la Francia decine di migliaia di persone erigono presidi, in corrispondenza di nodi stradali, accessi a centri commerciali, stazioni di pedaggio autostradali, depositi, distributori, dando vita a dibattiti accesi nel corso dei quali, a partire dalla protesta Continua a leggere...

Commenti (0)
Gelbwesten

Radiografia di un movimento

Quella dei gilet gialli è un’insurrezione popolare. Non si tratta, come in altre occasioni, di un gruppo chiaramente identificabile politicamente o socialmente. A scendere in piazza dalla metà di novembre sono precari, piccoli imprenditori, disoccupati, pensionati, pendolari, camionisti, liceali e studenti universitari. E, sempre più numerosi, giovani delle banlieues. Continua a leggere...

Commenti (0)
panzer

Parigi, atto IV

Ieri, 8 dicembre, la Tour Eiffel, il Louvre, i Grandi magazzini sono chiusi. Non ci sono megafoni, palchi, comizi. Neppure volantini. Solo persone. Piene di rabbia. Arrivano dalle strade laterali sugli Champs Elisées dopo essere state controllate dalla polizia. Ogni tanto, un coro contro il presidente. La manifestazione di Continua a leggere...

Commenti (0)
strohfeuer

Non è un fuoco di paglia

Il movimento dei gilet gialli comincia a dare i suoi frutti. Il governo, in affanno, moltiplica i proclami, spesso contraddittori. Martedi’ Edouard Philippe annuncia una moratoria di sei mesi per la tassa sui carburanti e mercoledi’ Emmanuel Macron dichiara che sarà ritirata. Tre settimane fa, il gesto avrebbe potuto Continua a leggere...

Commenti (0)
roussel

Il PCF cambia pelle

Un nuovo simbolo, un nuovo segretario e un nuovo documento programmatico. Con il 38° congresso del Partito Comunista Francese, concluso domenica a Ivry, il partito volta pagina. La falce e il martello scompaiono dal simbolo, e la sigla PCF viene integrata con una stella rossa dalla quale una fogliolina Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Torna su