Quattro anni fa, uno dei dirigenti di Google dichiarava che « la vita privata puo’ essere considerata come un’anomalia ». Pensava, probabilmente, a un’esperienza condotta in segreto dalla multinazionale americana nel Regno unito dove, fra il giugno del 2011 e il febbraio del 2012, Google controllava 5,4 milioni di inglesi proprietari Continua a leggere...