Il 14 maggio 1948, Leah Kristal ha otto anni. A Tel Aviv, le strade sono vuote. « Non capivo cosa succedesse », racconta « ma era chiaro che si trattava di qualcosa di grosso. Nell’aria c’era paura, incertezza, speranza ». Due giorni prima si era riunito il governo ebraico de facto, presieduto da Continua a leggere...