Archivio del marzo, 2020

GLEZOS

Ieri, lunedi’ 30 marzo, a 97 anni, dopo aver combattuto senza soste per 84 anni, Manolis Glezos è morto. Il 30 maggio del 1941, a 18 anni, ammaina insieme al suo amico Apostolos Santas la bandiera nazista issata sull’Acropoli, il più celebre monumento di Atene. Hitler grida vittoria in Continua a leggere...

Commenti (0)
kubabrigade

La Brigata medica internazionale Henry Reeve

In molti paesi, in lotta contro il coronavirus, i medici cubani sono accolti a braccia aperte. Ma Washington vede nell’ondata di simpatia per il presidio socialista nei Caraibi un pericolo e tenta di impedirne gli aiuti. Mercoledi’ scorso 24 specialisti cubani sono arrivati ad Haiti per dare man forte Continua a leggere...

Commenti (0)
asyl

Improvvisamente utili

In Germania, fino a ieri, l’Albania, la Bosnia-Erzegovina, la Serbia o il Montenegro erano considerati paesi di provenienza sicuri. Vi si potevano rispedire quelli che ne arrivavano, chiedendo asilo,  senza neppure esaminarne le domande. Ma ora che il virus minaccia l’agricoltura tedesca c’è improvvisamente chi si frega le mani, Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
Forza Cina

Il prezzo del neoliberismo

L’emergenza mette allo scoperto le debolezze strutturali della società capitalista, dove le decisioni dipendono dagli interessi economici della classe dominante. Nell’UE, inoltre, la crisi viene sfruttata dai paesi “forti” per conquistare posizioni più vantaggiose a scapito degli altri. In Italia è chiaro che oltre 30 anni di politica neoliberista Continua a leggere...

I commenti sono chiusi
borsavita

La Borsa o la vita

Il coronavirus dilaga, il numero di morti aumenta ogni giorno e c’è già chi chiede un rapido ritorno alla normalità. Motivo : l’economia non puo’ sopportare oltre le misure protettive della popolazione. Per il presidente Trump « La guarigione non puo’ essere peggiore della malattia ».  Il vicegovernatore del Texas, Dan Patrick, Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su