A Baghdad regna una strana calma. Come dappertutto, in tempi di pandemia. Prima del lockdown le proteste erano quotidiane. Dopo il terrore dell’Isis, il genocidio degli Yazidi, l’indipendenza dei curdi, il conflitto fra USA e Iran sul suo territorio, è in vista un nuovo problema. La settimana scorsa la Continua a leggere...