Nel dicembre 2012 Jérôme Cahuzac, ministro delegato del Bilancio nel governo Ayrault, è accusato di possedere soldi non dichiarati su un conto in Svizzera, poi a Singapore. Il ministro lo riconoscerà solo nell’aprile dell’anno successivo, dopo aver protestato la sua innocenza perfino davanti al  parlamento. Il presidente Hollande lo copre fino all’apertura, nel marzo 2013,  di un’indagine giudiziaria nei suoi confronti per riciclaggio e frode fiscale.

E dire che, nel 2012, anno dell’elezione di Hollande alla presidenza della Repubblica, Cahuzac, ex presidente della Commissione Finanze della Camera,  impersona la « linea della fermezza » nella gestione dei conti pubblici. La prima reazione del ministro alle accuse che gli vengono mosse dal sito di informazione Mediapart è quella di denunciare quest’ultimo per diffamazione. Dopo la sua espulsione dal PS, nell’aprile 2013, Cahuzac si dimette da deputato, ma mantiene le sue indennità ministeriali.

Un anno dopo, nel marzo 2014, viene istituito il Parquet national financier (Procura finanziaria nazionale), con il compito di lottare contro frodi sempre più sofisticate e mondializzate. L’ex ministro degli Interni di Sarkozy, Claude Guéant, viene condannato in prima istanza a due anni di carcere per uso di fondi neri. La Procura indaga su Google France e sull’UBS per frode fiscale e sul senatore Serge Dassault (destra) per possesso di fondi neri all’estero. Si tratta, finora, di 369 indagini, condotte da 15 magistrati.

Tuttavia, secondo « Transparency International France », « la Procura Finanziaria Nazionale resta un’istituzione estremamente fragile, la cui indipendenza non è garantita », dato che in Francia le Procure sono organicamente legate all’esecutivo, che nomina i giudici, e « restano soggette all’intervento politico negli affari più delicati… ».

La presidente del tribunale, che  si è espressa severamente contro la « criminalità finanziaria » che « arricchisce gli uni, impoverisce il popolo, aumenta le diseguaglianze, alimenta la frustrazione, il risentimento…», ha chiesto per Cahuzac una condanna a tre anni.

Giustiniano Rossi

15 settembre 2016

Print Friendly