Chemnitz, Sassonia, sabato 1° settembre. La città sembra tranquilla.  Nel primo pomeriggio, un migliaio di persone manifestano contro il razzismo e la violenza neofascista. Dopo l’annessione dell’ex Repubblica Democratica alla Repubblica Federale Tedesca, definita unificazione, la CDU (Democrazia Cristiana) governa il Land (regione). Il ministro federale degli Interni, Seehofer, è assente. Il razzismo, la xenofobia, il rigurgito neonazista, evidentemente, non lo preoccupa.

I neofascisti di AfD, Pegida e “Pro Chemnitz” marciano insieme. 4.500, secondo la polizia. Una Marcia silenziosa, dicono. Mostrano le foto di presunte vittime dei migranti. Sostano davanti al monumento a Karl Marx, chiamato dai locali « Nischel » (testa). I contro-manifestanti (3 .500, sempre secondo la polizia) sbarrano loro il passo. Li obbligano a interrompere la marcia. I neofascisti si radunano nel luogo dove Daniel Hillig, 35 anni, è stato accoltellato una settimana prima da due stranieri nel corso di una rissa. Per « ricordarlo », affermano. Scandiscono invece « Noi siamo il popolo » e « Noi restamo qui ». Alcuni si innervosiscono. Giornalisti e contro-dimostranti vengono aggrediti. La polizia scioglie la manifestazione.

Quello che è avvenuto a Chemnitz rende evidente quello che avverrà nel prossimo futuro in Sassonia ed in Germania – est, ovest, nord e sud - : l’avanzata della destra, il disinteresse crescente per le più elementari regole della democrazia, la disumanizzazione, sostituiti dalla difesa del territorio, della proprietà, dello status sociale. Vero o presunto. Domina in molti la sensazione di aver perso qualcosa (precarizzazione, autodenigrazione, umiliazione) e quella di aver ancora qualcosa da perdere (in confronto al resto del mondo siamo ricchi e facciamo parte di una élite…). Occorre proteggere quel che resta, costruire muri e lasciar crepare quanti pensiamo che vogliano rubarci quel che abbiamo ancora….

Questo è l’umore a Chemnitz. I neofascisti ne sono espressione. La gente ha paura. Porta via i bambini dalle strade. Una massa compatta di neofascisti sventola bandiere nere, blatera di un « fascismo di sinistra », saluta a braccio teso. Li fronteggiano migliaia di antifascisti. Individualmente. O quasi. I neofascisti, invece, sono una forza organizzata e strutturata. Il Consiglio comunale, a poca distanza, non fa nessuna dichiarazione ufficiale. E’ occupato a discutere di Chemnitz capitale della cultura europea 2025.

La realtà viene ignorata da molti, troppi. Un film già visto nel secolo scorso. La città è in preda alla frustrazione. Dal 1953 al 1990 si è chiamata Karl Marx Stadt e dal 1980 al 1990 vi si svolgeva il Festival del cinema della Repubblica democratica tedesca. Oggi c’è chi pensa che i saluti a braccio teso, quelli che sottolineano un’ideologia che ha provocato il più grande genocidio della storia dell’umanità, non costituiscano un problema. In Italia, ormai, lo pensa perfino la Corte Costtuzionale! I nazisti occupano ormai lo spazio pubblico…

Giustiniano

9 settembre 2018

Print Friendly