Il “Birmingham Civil Rights Institute “ (BCRI) ha deciso di non conferire, come precedentemente annunciato, il Premio per i Diritti civili “Fred Shuttleworth Human Rights Award”, ad Angela Davis. Secondo quest’ultima, la decisione è dovuta al suo impegno per la giustizia in Palestina. Il BCRI sembra aver ceduto alle pressioni della comunità ebraica.

Angela Davis ha militato per lunghi anni nel Black Panther Party, nello Student Nonviolent Coordination Committee e nel US Communist Party. E’ una delle esponenti più importanti del Movimento per i diritti civili e del Black Power negli USA. E’ impegnata nel movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimenti, Sanzioni) contro lo Stato israeliano e sostiene la popolazione civile palestinese. Secondo la Davis, nota per le sue pubblicazioni sul “Complesso carcerario-industriale”, “la Palestina sotto occupazione israeliana è il peggiore esempio di una società carceraria”.

Da sempre impegnata contro l’antisemitismo come contro il razzismo, la Davis si dichiara “fiera di aver strettamente collaborato nel corso della sua vita con organizzazioni ebraiche”. Questo lavoro l’ha aiutata a prendere coscienza dell’importanza della protesta « contro l’occupazione israeliana della Palestina ». Nel prossimo febbraio, quando avrebbe dovuto esserle conferito il premio, la Davis prenderà parte, a Birmingham, ad una manifestazione alternativa.

Giustiniano

9 gennaio 2019

Print Friendly