Non succede spesso che i servizi segreti aprano le porte al pubblico. Il Bundesnachrichtendienst (Servizio informazioni federale), competente per la spionaggio estero, ha voluto inaugurare, in maniera compatibile con la democrazia, la sua nuova sede centrale berlinese, ammettendo perfino un gruppetto di giornalisti nell’edificio, a metà strada fra una fortezza e un centro commerciale, sorto sul terreno dello Stadio della Gioventù del Mondo, demolito nel 1992. Davanti al complesso non c’è  nessuno a protestare.

Le dimensioni parlano da sole : l’area corrisponde a quello di 36 campi di calcio, l’edificio ha 14.000 finestre e 5.000 vani per 4.000 collaboratori. E’ costato 1,1 miliardi di euro e la sua costruzione è durata 12 anni. Addetti alla sicurezza accompagnano i giornalisti, dandosi il cambio ogni paio di metri, fino a una sala conferenze. Altri dipendenti sorvegliano che nessuno si allontani dal percorso prescritto. Resta ignota l’ubicazione degli uffici dove si contrastano le rivolte in Afghanistan, si adottano misure contro il PKK in Turchia o viene coordinata la guerra commerciale e delle informazioni con la Russia.

In sala conferenze, la cancelliera sostiene che la rapida valutazione di potenziali  fake news è la base delle decisioni politiche. Secondo lei, il « Servizio Informazioni Federale » rispetta la Costituzione ed è controllato dal parlamento, a differenza di quello dell’ex Repubblica Democratica Tedesca, la Staatssicherheit – più nota come Stasi –  (Sicurezza dello Stato), rivolta contro il popolo. La Merkel, che sorvola sul passato nazista di molti funzionari dei servizi segreti negli anni del dopoguerra, fa confusione con il Bundesverfassungsschutz “Protezione federale della Costituzione” della Repubblica federale tedesca, competente, proprio come la Stasi,  per lo spionaggio interno.

A Pullach, non lontano da Monaco di Baviera, resta il “Reparto spionaggio tecnico”, responsabile del controllo, del tutto incontrollato,  di milioni di persone sul territorio tedesco.

Giustiniano

10 febbraio 2019

Print Friendly