Hic sunt leones, recitano le vecchie mappe per descrivere l’Agro Pontino, inaccessibile fino ai primi del 900. Dopo la sua bonifica, fiore all’occhiello del regime fascista, vi si trasferiscono negli anni ‘30 2.953 famiglie coloniche. Sono quasi 30.000 persone, per lo più provenienti dal Ferrarese e dal Veneto. Oggi vivono in provincia di Latina circa 25.000 Sikh, arrivati, fin dagli anni ’80, dal Punjab (India nord-occidentale). Le 10.409 aziende agricole esistenti ne impiegano, a tempo determinato, oltre 10.000, e meno di 1.000 a tempo indeterminato.

Sono la punta di un iceberg costituito, secondo i dati dell’Osservatorio « Placido Rizzotto », da 430.000 operai agricoli, che lavorano dalle regioni subalpine alla Sicilia, nei campi, nelle serre e nelle stalle,  in condizioni di semi-schiavitù, spesso costretti ad usare prodotti fitosanitari tossici. La paga sindacale per raccogliere legumi è di 9 euro all’ora. Quella reale di 4. Questi lavoratori vivono in condizioni di invisibilità inedite, dovute  in parte alle caratteristiche del lavoro (in agricoltura), in parte a quelle dell’alloggio (presso aziende agricole) ed in ultimo ad una persistente deresponsabilizzazione politica del governo centrale e di quello locale. L’unica realtà è il « mercato », per i prodotti agroalimentari come per le persone che li producono.

Ma le paghe di fame, le giornate lavorative di 14 ore, i ricatti, le abitazioni costituite, non di rado, da  baraccopoli  indegne di un paese che si considera civile, ormai non bastano più. A Terracina, il titolare trentacinquenne di un’azienda, tale Alessandro Gargiulo, è stato arrestato per sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata mediante un fucile a pompa, lesioni personali, detenzione abusiva di munizioni e materiali esplodenti. L’uomo, spalleggiato da caporali, minacciava con la sua arma i braccianti che non lavoravano abbastanza in fretta. Il 10 ottobre scorso cinque di loro lo hanno denunciato.

Dove, sulla carta, c’erano un tempo i leoni, ormai ci sono le jene…

Giustiniano

13 ottobre 2019

Print Friendly