Il mondo intero ha potuto seguire, in diretta, l’assalto dei sostenitori di Trump al Campidoglio di Washington. Media americani e internazionali trasmettevano live dalla capitale degli USA. Mentre Guardia nazionale e polizia sgombravano l’edificio, sui social già si discuteva e si analizzava chi aveva fatto cosa. Particolarmente notato un uomo seminudo, con una pelle di bisonte completa di corna sulla testa. Una messa in scena grottesca, commentata ironicamente dagli utenti di Twitter. Un’immagine in particolare, che mostra l’uomo urlante con una bandiera USA e un megafono in mano, infesterà Internet nei prossimi anni. Discussioni di cultura pop intorno ad un evento possono anche essere politiche, spesso pero’ vengono spoliticizzate e completamente separate dal loro contesto.

Che l’uomo-bisonte sia solo una gag innocua è più che dubbio. Si tratta di tale Jake Angeli, militante del movimento complottista antisemita QAnon, che sostiene fra l’altro che i satanisti rapiscono bambini e ne bevono il sangue. Che non si tratta di semplici fesserie diventa chiaro avvicinandolo. Angeli porta sul petto un tatuaggio composto di tre triangoli, detto « nodo di Wotan », che è un simbolo germanico e segno di riconoscimento fra i neonazisti. Molte foto e video documentano la partecipazione di questi ultimi all’assalto al Campidoglio. Un altro porta una maglietta nera con un teschio dove è scritto « Camp Auschwitz » e « Arbeit macht frei ».

Questo basterebbe per prendere, unanimi, le distanze dagli assalitori. E invece i risultati di un sondaggio realizzato il giorno stesso mostrano che gli americani non hanno la stessa opinione sull’accaduto. Il 50% degli elettori repubblicani li definisce « protestatari ». Per il 30% sono « patrioti »*. Solo il 26% li definisce « estremisti » e il 17% « terroristi dell’interno ». Fra i sostenitori dei democratici le cose cambiano. Il 78% parla di « terroristi dell’interno » e il 74% di « estremisti ». Il sondaggio non domanda se si tratti di estremisti di destra o di fascisti. Il deputato repubblicano Matt Gaetz arriva a sostenere che sono « terroristi antifa mascherati ».

Questa tendenza, dovuta raramente all’ignoranza e molto più spesso alla tendenza a non definire chiaramente gli avvenimenti politici e i loro protagonisti è largamente diffusa anche in Italia. A destra si preferisce annacquare, mettere sullo stesso piano Trump, fascisti e antifascisti o semplicemente  riproporre la vecchia tesi degli « opposti estremismi »…

Giustiniano

7 gennaio 2021

 

 

Print Friendly