niamey

Vita sui marciapiedi. Operatori e mendicanti a Niamey

La vita del popolo reale abita i marciapiedi della città. I piccoli mestieri nascono, si inventano, si sommano e si susseguono freschi di giornata. Possono anche sparire senza lasciare traccia e se domandate dov’è finito il giovane che vendeva carte telefoniche sarete osservati con curiosità come si fa con Continua a leggere...

Commenti (0)
giles

Parigi – Atto 18

Da quattro mesi, i francesi si mobilitano per il clima e la giustizia sociale. Ieri, sabato 16 marzo, la « marcia del secolo » e l’Atto 18 delle giubbe gialle sono confluiti, nel tardo pomeriggio, in place de la République, dove i giovani hanno scalato la statua centrale per coprirla di Continua a leggere...

Commenti (0)
venezue

Dopo il blackout

Dopo una settimana di caos e incertezza, in seguito al sabotaggio della rete elettrica nazionale, il Venezuela torna alla normalità. La fornitura di elettricità è quasi completamente ristabilita. Dal pomeriggio del 7 marzo, in milioni di case mancava la corrente. La causa del più grande e del più lungo Continua a leggere...

Commenti (0)
tajani

Quando c’era “lui”, i treni viaggiavano in orario

In un’intervista a Radio 24 Antonio Tajani, presidente forzitalico del Parlamento europeo, dopo aver premesso di non essere mai stato fascista (infatti militava nel Fronte della Gioventù monarchica, fedele alleata del Fronte della Gioventù neofascista diretto dai vari Fini, Gasparri, Alemanno, La Russa, e da dove è transitata la Continua a leggere...

Commenti (0)
champagne

Brexit e champagne

Dimentichiamo l’oro, gli immobili e le azioni. L’unico valore sicuro – per chi puo’ permetterselo, s’intende –  è lo champagne. Da bere fra 8 e 9°C, una temperatura ideale nell’era glaciale che avanza fra Londra e Bruxelles. Alla fine di marzo saranno molti i tappi che, per una ragione Continua a leggere...

Commenti (0)
Torna su