L’Europa si presenta come « luogo della protezione e della solidarietà, che offre rifugio alle vittime di guerre e persecuzioni » e fa contemporaneamente di tutto per impedire che le persone che hanno bisogno di questa protezione possano rivendicare il loro diritto d’asilo. Profughi e migranti arrivano in Europa perché l’Europa e gli USA distruggono e saccheggiano i paesi del sud globale, sono corresponsabili della povertà, della fame, della distruzione dell’ambiente e della guerra che spingono le persone a fuggirne.

Molte delle armi vendute all’Irak, all’Arabia saudita, all’Egitto, al Messico, alla Libia, alla Turchia, che rendono più intensi conflitti e repressione e moltiplicano il numero di morti, di feriti e di profughi sono di provenienza occidentale. L’Occidente sostiene molti regimi liberticidi aiutandoli economicamente e militarmente e riconoscendoli, e le loro vittime, oppositori, minoranze, persone che non approfittano del sistema dominante, sono costretti a lasciare i loro paesi

Imprese occidentali speculano nel sud del mondo con i prodotti alimentari e le terre coltivate, che vengono comprate per produrre mangimi e biodiesel, provocando un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari nei paesi in via di sviluppo che acuisce il problema della fame. Il sistema finanziario creato dall’Occidente provoca una concentrazione sempre maggiore della ricchezza. Nel mondo, 85 persone posseggono quanto la metà più povera della popolazione mondiale. Un miliardo di persone dispone di 1,25 dollari al giorno per sopravvivere. Ogni cinque secondi un bimbo muore di fame, sebbene l’agricoltura potrebbe nutrire tutta la popolazione mondiale.

I creditori costringono i paesi indebitati a ridurre la spesa per l’istruzione, le prestazioni sociali e sanitarie. Le flotte da pesca internazionali saccheggiano il patrimonio ittico dei mari africani, le materie prime dei paesi del sud del mondo vengono sfruttate dagli stessi paesi creditori, che lasciano loro i danni ambientali. Ma non basta : nell’Unione Europea, chiusa come una fortezza assediata, i creditori, al nord, si servono cinicamente dei debitori, al sud, come fusibili per proteggersi.

Giustiniano Rossi

Parigi, 8 giugno 2014

Print Friendly